Esercizio 4.1.
Con riferimento alla gerarchia DNS riportata in Figura 4.7, si chiede di suddividere in zone il dominio ac.nz in modo che il numero di queries richiesto per la risoluzione del nome ocean.physics.auckland. ac.nz da parte di un host esterno al dominio ac.nz sia esattamente 4 e il numero di zone sia il minimo possibile.

Figura 4.7 Esempio di nomi di dominio (Esercizio 4.1).




Esercizio 4.5.
Con riferimento all’Esempio 4.2, ipotizzando che il name server locale ns.math.auckland.ac.nz sia dotato di cache e che i record relativi alla precedente interrogazione per l’host flower.deib.polimi.it siano ancora nella cache, si chiede quante queries sono necessarie per ottenere l’indirizzo IP dell’host tree.deib.polimi. it con risoluzione ricorsiva e con risoluzione iterativa.




Esercizio 4.7.
Si chiede di rappresentare graficamente lo scambio di messaggi che ha luogo tra due MTA utilizzando il protocollo SMTP per trasferire dal client ducato.com al server fiorino.com una e-mail con mittente Andrea all’indirizzo andre@scudo.com e destinatario Mariangela all’indirizzo mari@guelfo.com. Il messaggio ha come soggetto “Buon compleanno” e contiene le righe di testo “Tanti auguri”, “da tutti noi”, “i cugini”.




Esercizio 4.10.
Si chiede di rappresentare graficamente l’accesso dell’utente Linda a un server FTP. Dopo l’autenticazione con password “Hello”, Linda chiede di ricevere il file lastnews.pdf dalla directory /home/ news/updates. Il server risponde che il file richiesto non si trova nella directory indicata. Quindi Linda chiede l’elenco dei file nella directory e scopre che il file di suo interesse si chiama last-updates.pdf. Ne chiede dunque il download che viene effettuato con successo e lascia il collegamento FTP aperto.




Esercizio 4.12.
Un client accede a un server tramite una rete dorsale che mette a disposizione un canale dedicato di capacità C = 100 Mbit/s e la distanza lungo il canale tra client e server è d = 300 km. Si chiede di determinare il tempo totale T di recupero dal server di una pagina HTML di 1000 byte che contiene 8 immagini di 25 kbyte ognuna adottando connessioni non-persistenti, oppure persistenti. Si assume che la dimensione dei messaggi di controllo del protocollo HTTP sia trascurabile e che la chiusura di una connessione TCP possa essere attuata in un tempo trascurabile.




Esercizio 4.19.
In un’architettura peer-to-peer di N peer con N potenza di 2 e capacità di upload C_u minore della capacità di download C_d si vuole individuare la condizione sul numero di frammenti k che determina una riduzione di almeno un fattore F del tempo totale di distribuzione di un file di dimensione D byte rispetto al caso di file non frammentato.